Esperienza positiva per gli atleti Yama Arashi all’Akiyama Summer Camp!

Si è conclusa mercoledì l’esperienza all’Akiyama Summer Camp per cinque atleti ed un tecnico della nostra società: Alessandro, Davide, Eva, Lorenzo, Sara, accompagnati da coach Agnese Piccoli, hanno preso parte, come Rappresentativa Regionale, allo stage di judo organizzato dall’Akiyama Settimo Torinese nella cornice del PalaBurgo di San Mauro Torinese.

L’evento, che rientra tra gli appuntamenti inseriti nel calendario estivo dell’attività agonistica e supportati dal nostro Comitato Regionale, ha visto la partecipazione di circa 200 atleti provenienti da tutta Italia, da alcuni gruppi sportivi e da nazioni estere quali il Belgio e la Svizzera.

Una grande e stimolante opportunità di crescita dunque per i nostri atleti che hanno avuto la possibilità confrontarsi e battersi con avversari di caratura nazionale ed internazionale e di imparare nuove soluzioni, sia a terra che in piedi, da inserire nel proprio bagaglio tecnico.

Questi i commenti di alcuni di loro al termine della trasferta:

Agnese Piccoli: “È stata sicuramente un’esperienza molto importante per tutti, per me in primis, ma non da meno per i ragazzi che ho accompagnato, che sono convinta siano tornati a casa con molti spunti su cui lavorare. Pierangelo (ndr Toniolo) ha posto il focus ogni giorno su un aspetto diverso, e più in generale, sottolineando l’importanza di curare ogni minimo dettaglio, sul tatami così come sull’atteggiamento da tenere in allenamento ma anche nella vita di tutti i giorni. Per fare cose grandi infatti bisogna iniziare facendo bene le piccole cose. E la sua società, l’Akiyama, che guida assieme ai suoi fratelli è l’esempio più lampante come questo sia vero. Sono davvero contenta di come si siano comportati i ragazzi, hanno creato un bel gruppo fuori dal tatami mentre sulla materassina si sono battuti, hanno faticato ma nonostante la stanchezza e il grande caldo non si sono tirati mai indietro, nonostante per alcuni di loro fosse la prima esperienza e, più in generale, non fossero più abituati a questi ritmi causa la pandemia!”

Alessandro: “In questo stage ho imparato e migliorato molte tecniche a terra, inoltre ho avuto la possibilità di combattere contro persone nuove e di sperimentare molte cose nel randori”

Eva: “Da questo stage ho imparato molte cose per lavorare meglio a terra, ho provato nuove combinazioni nei randori e sono felice di questo. È stata una bella trasferta, ci siamo divertiti molto tutti assieme!”

Lorenzo: ”Ci sono solo 3 “F” per descrivere questo camp: Figo, Fenomenale e Fruttuoso!”

I commenti sono chiusi