Pd da Spadafora. Il 28 vertice decisivo sulla legge delega

Quella di martedì prossimo sarà la tappa decisiva nel percorso per l’approvazione della legge delega sullo sport.

Il ministro Vincenzo Spadafora riunirà tutte le forze di maggioranza. Ieri incontro con il Pd, che sui mandati insiste per mantenere la legge Lotti (tre quadrienni ma con norma transitoria).

E sottolinea la necessità di differenziare fra dimensione nazionale e locale (dove il ricambio è più difficile).

Fra i temi discussi lavoro (assicurando un minimo di tutele previdenziali per tutti) e vincolo sportivo, ma anche «difficoltà economiche delle società sportive e assenza di certezze per la ripresa agonistica di settembre», ha detto il deputato Andrea Rossi.

Si è parlato anche di governance e del ruolo di Sport e Salute (per il Pd società di servizio, per i 5 Stelle uno strumento protagonista e non solo esecutore).

In mattinata, invece, si erano riuniti con Malagò i 44 presidenti federali. Che hanno dato al al presidente del Coni una delega per presentare a Spadafora alcune criticità.

Valerio Piccioni-La Gazzetta dello Sport giovedì 23 luglio 2020

I commenti sono chiusi