Addio Bruno Cainero, martedì alle 14 l’ultimo saluto a Godia

E' stato confermato che l'ultimo saluto a Bruno Cainero sarà domani, alle 14 di martedì 3 marzo, nella chiesa di Godia a Udine. Se n’è andato Bruno Cainero. Aveva 81 anni ed anche se molti l’hanno conosciuto come il papà di Marco, Federico e Luca, tre ragazzi eccezionali e judoka eccellenti, il nome di Bruno si lega anche e molto saldamente alla grande avventura del Judo Club Udine nei primi anni ’80. Accadde che un manipolo di ragazzi friulgiuliani, volonterosi e sognatori decisero di tuffarsi in un’impresa nella quale investire sogni, passione ed incoscienza. Ma non sarebbe stato sufficiente se non ci fosse stato chi, a questi ragazzi, avesse riconosciuto credibilità aggiungendo una guida, competenza, fiducia, tempo e supporto morale, oltre quello non irrilevante per sostenere trasferte, pernottamenti, cene, tasse per gare e stage. Furono anni straordinari, di imprese e di fatiche, di grandi emozioni e di ispirazione per molti altri giovani, furono anni indimenticabili per Bruno, che ne fu il fulcro. Senza nulla togliere a tutti quelli che parteciparono attivamente a quella bellissima storia. Bruno sostenne con un entusiasmo grande come la sua forza, un entusiasmo che era capace di infondere in quel gruppo di ragazzi con le parole, con l’esempio, con la sua inconfondibile partecipazione emotiva. Poco meno di tre anni fa Bruno cadde con la bicicletta, ne riportò un trauma cerebrale importante, rimase in ospedale per tre mesi, ma ne uscì. Quattro giorni fa Bruno è entrato in coma ed oggi se n’è andato. Lascia la signora Nives ed i suoi figli Marco, Federico e Luca, cui va tutto il più profondo cordoglio da parte di quel gruppo di ragazzi di allora e non solo loro…

I commenti sono chiusi