Medves: fuori tre, battuto Zadro

Lunedì 26 agosto, seconda giornata nel Nippon Budokan, l’Italia è in gara con tre atleti che, in ordine di chiamata sul tatami sono Matteo Medves, Odette Giuffrida, Manuel Lombardo.

Round 1, 66: Matteo Medves ha aperto la seconda giornata mondiale degli azzurri con la vittoria sul portoghese Joao Crisostomo, avversario già noto ai nostri per essere particolarmente scomodo. Medves non si è lasciato irretire ed è sempre stato in anticipo sull’avversario, ma senza maturare il punto. Al golden score si è arrivati con il portoghese gravato da due shido, uno iniziale per passività ad entrambi, l’altro per uscita, ma trascorsi 40” l’approccio alla presa di Medves ha sorpreso Crisostomo che, arretrando, è stato abbracciato e proiettato con ko soto gake, wazari.

Round 1, 52: ecco Odette Giuffrida, finalmente tocca a lei, abbiamo dovuto attendere l’ultimo incontro dei 52 kg prima che si ripassasse ai 66 kg per il secondo round. Ma Odette ripaga tutti con un incontro sublime, la marocchina Soumiya Iraoui non riesce a prendere le misure perché Odette danza, si sposta, sembra scivolare sul tatami, è classe ed eleganza al tempo stesso. Mancano 55” quando Iraoui cerca il corpo di Odette per attaccarla con uchi mata e trova il vuoto. Tsukashi ed ippon, anche il pubblico giapponese libera un boato ed applaude.

Round 2, 66: uno-due di Lombardo e Medves che hanno affrontato in rapidissima sequenza il secondo turno di questo Mondiale. Ed è stato rapido Manuel Lombardo opposto al mozambicano Kevin Loforte nel chiudere la partita nell’ambito del primo minuto con un rovesciamento a terra concluso con osae komi. Scende Manuel dal tatami 1 e sale Medves sul tatami 2 per affrontare lo slovacco Matej Poliak che, ovviamente, si dedica principalmente al braccio destro dell’azzurro, il quale altrettanto ovviamente lo incalza. Al terzo  minuto Poliak attacca seoi, Medves evita e lancia in rotazione, ippon.

Round 2, 52: Odette Giuffrida è ritornata sul tatami per affrontare la mongola Sosorbaram Lkhagvasuren, una sfida complicata, irta d’insidie, ma la classe di Odette ha fatto nuovamente la differenza ed andando in crescendo l’azzurra ha fatto due de ashi barai, nel primo la mongola si è salvata con un gomito sotto il corpo, nel secondo non ha avuto scampo, ippon nel golden score.

Round 3, 66: dopo l’uno-due, Manuel e Matteo hanno fatto anche tre-quattro facendosi strada nel tabellone mondiale approdando entrambi agli ottavi. Manuel Lombardo ha domato il bielorusso Dzmitry Minkou con un wazari di yoko guruma, mentre Matteo Medves ha arpionato il bosniaco Petar Zadro con un o soto gari ippon. A questo punto Manuel si giocherà l’accesso ai quarti con Baruch Shmailov, mentre Matteo ha l’occasione per regalare un dispiacere al bellissimo pubblico del Nippon Budokan che, sicuramente, sosterrà Hifumi Abe.

I commenti sono chiusi