Judo è… sempre insieme

Il judo in regione si attesta sempre più come movimento, piuttosto che semplice sport o disciplina. Un movimento che oltrepassa i limiti del singolo dojo, della singola palestra, ma anche i goliardici campanilismi che in questi giorni stanno tornando alla ribalta con minacce di querele sul web per vignette ironiche che non sempre vengono prese con leggerezza da una o dall'altra parte. Oggi (sabato 18 maggio, ndr) si è svolto un bellisimo pic nic aperto a tutta la regione del judo in quel di Andreis (PN). Un'idea che ha preso forma durante un pranzo. Non me ne vogliano gli ideatori se citerò i loro nomi: so che non sono avvezzi al protagonismo, ma ogni tanto le buone (anzi ottime) iniziative vanno esaltate! Quindi grazie a Mari Grazia Perrucci, Paolo Leonardi, Tiziana Zuppi e naturalmente alla maggior organizzatrice, Giorgina Zanette, per mostrare ancora una volta che lo sport serve ad unire. Il pic nic era nato come idea di condivisione per riportare in auge le usanze di un tempo. Al principio voleva essere una allegra scampagnata con intento di rimpatriata. Ma si sa che la potenza del web amplifica la portata delle cose, se sono meritevoli d'attenzione… la voce si sparge, gli inviti si moltiplicano. Gli stessi organizzatori finiscono per venire invitati all'evento da loro stessi ideato. Il risultato? Oltre 40 partecipanti, da tutte le province regionali. Tra ex atleti, attuali tecnici, Maestri che fanno e hanno fatto la storia del judo regionale (i Maestri Palmiro Gaio, Marino Marcolina, Enzo de Denaro, Luciano Luchini, Alessandro Kramar), arbitri internazionali, il clima di festa ha portato il sereno, nonostante il clima insolitamente autunnale a maggio. Un'esperienza che siamo sicuri sarà ripetuta presto: ormai sappiamo come iniziare… (di Furio Zuliani)

PS (EdD): ...ma poi, c'erano anche Michele e Salvatore, è arrivato anche Marino, ed è stato bellissimo rivederlo, ghignante come sempre. Ma sono arrivate poi Elsa Bigai e Susanna Villanova, due grandi donne di judo di qualche tempo fa, che si sono costruite un percorso molto virtuoso nella vita dopo il judo... e di Margherita Boeri, ne vogliamo parlare? C'era pure lei. E c'erano i figli, tanti figli... a proposito, è stato allestito il mercatino dell'usato, battitori d'asta Alice, Michele e Bruno, 21 anni in 3, che in poco meno di tre ore sono stati in grado di mettere in allarme Sotheby’s e Christie’s... e, soprattutto, compromettere i bilanci familiari di diversi convenuti... ma l'elenco è davvero lunghissimo, potrebbe arrivare a 50. Di certo c'era Marcello Giambruno, cui dedico queste righe per dirgli che raccolgo l'invito...

I commenti sono chiusi