Giovanni e Lorenzo, bravi a Riccione! A Gorizia la magia della condivisione

Giovanni Gabriel Rodaro e Lorenzo Roncastri si sono battuti come sempre, mettendosi in gioco, senza troppi patemi. Anche questa volta, a Riccione, in occasione del Grand Prix Emilia Romagna, seconda prova del Trofeo Italia riservato agli Under 15, le cose sono andate bene, otto incontri in due, quattro vittorie e quattro sconfitte. Tutto da dividere esattamente a metà. E se questa volta non è arrivata la medaglia, non può essere un problema, arriverà alla prossima. L’impegno paga sempre, ma paga tutti ed è più importante saper aspettare il tempo giusto per ogni cosa, saper coltivare la propria passione con sincerità e serenità. A Gorizia invece, c’è stata un’altra invasione di sorrisi sdentati, di cuccioli di donne e di uomini che,  in judogi, hanno giocato e si sono divertiti per l’intera giornata. È il Criterium, bellezza! Scorrendo le immagini però, come sempre straordinarie di Erika e Giada, donne speciali, eccellenze di genio e sensibilità, si coglie qualcosa di nuovo, una narrazione diversa, che racconta di persone che si dedicano dei tempi, che attraverso il judo trovano anche il momento per parlare di natura, per donare una pianta, per parlare di scrittura giapponese, e tracciarla per tutti. La bellezza dello stare insieme e scambiare cultura e conoscenza, crescere insieme. Indipendentemente da chi vince o perde. Quello, è un gioco nella vita. Ma stare insieme e condividere, è la vita.

I commenti sono chiusi