Medves a Tbilisi per il Grand Prix, “zero ansia, zero problemi… speriamo bene”

“Questa volta non sento ansia né tensione, speriamo bene”. È fiducioso l’udinese Matteo Medves in attesa di salire sui tatami nel News Sports Palace a Tbilisi. Si tratta di un Grand Prix al quale partecipano 400 atleti di 52 nazioni e l’Italia sarà presente con una squadra composta da 15 atleti, fra i quali Medves. Ci sarebbero dovuti essere anche Fabio Basile e Nicholas Mungai, ma “Basile ha ancora un gomito dolente – ha detto il coach azzurro Francesco Bruyere – e con l’argento ad Ekaterinburg non c’è necessità di forzare. Discorso diverso per Mungai che in Russia ha accusato una lesione importante al dorsale e dovrà riposare per un po’. Gli altri sono tutti in forma – ha concluso - anche se sono stati due mesi lunghi, questa è l’ultima gara con la nazionale e poi saranno lasciati liberi per preparare gli Assoluti nei propri club. Noi siamo fiduciosi come sempre. Anzi, sempre di più”. La gara, che per Matteo Medves sarà venerdì, nella prima delle tre giornate di Grand Prix, è la quarta in questi primi tre mesi di 2019, dopo il Grand Prix a Tel Aviv ed i Grand Slam a Parigi ed Ekaterinburg. “Contrariamente a quello che mi accade di solito – ha detto il 24enne delle Fiamme Oro - alla vigilia di questo Grand Prix mi sento con zero tensione, zero ansia, zero problemi, anche la gestione del peso sta andando bene. Non diciamo niente! Tocchiamo ferro, non diciamo niente e speriamo che questa volta vada bene”. La squadra azzurra, seguita come di consueto da Francesco Bruyere e Roberto Meloni, è composta da Odette Giuffrida (52), Martina Lo Giudice (57), Maria Centracchio, Edwige Gwend (63), Alice Bellandi, Carola Paissoni (70), Giorgia Stangherlin (78), Eleonora Geri (+78), Manuel Lombardo, Matteo Medves (66), Giovanni Esposito (73), Antonio Esposito, Matteo Marconcini (81), Giuliano Loporchio (100), Vincenzo D’Arco (+100).

I commenti sono chiusi