Grazie Giancarlo Pizzinato! Bentornato YamApp!

Venerdì scorso, il 24 settembre 2021, YamApp ha festeggiato il quarto appuntamento. Quarto incontro di una serie che era stata avviata il 26 settembre 2019 dal Maestro Pierluigi Comino, seguita il 31 ottobre 2019 con il Maestro Alessandro Giorgi ed il 5 dicembre 2019 con il Maestro Palmiro Gaio.

Quando, al termine di una splendida lezione, ci si salutò con il Maestro Gaio e con i numerosi partecipanti, le cose andavano benone e non c’era motivo per credere che per il quarto incontro si sarebbe dovuto attendere quasi due anni.

Tant’è che Marino Marcolina aveva già accordato la sua disponibilità per la lezione successiva da tenersi una volta superati i tradizionali impegni organizzativi del club, Winter Camp e Trofeo Alpe Adria.

Si pensava in febbraio o marzo, prendendosi il tempo per valutare la collocazione più opportuna in un calendario agonistico che si proponeva impegnativo come sempre.

Ed invece è andata come sappiamo.

In palestra non ci siamo più potuti entrare e per un periodo nemmeno siamo usciti di casa.

Ciascuno di noi si è comportato come meglio ha ritenuto di dover fare in una condizione che ha colto impreparati tutti, sotto ogni punto di vista.

È inevitabile che ciascuno ha avuto i suoi buoni motivi per aver fatto una cosa piuttosto di un’altra. Tutte le scelte sono importanti, ma di fronte alla paura di un nemico nuovo, invisibile e pericoloso non c’è da discutere.

Il Covid c’è ancora e si deve rimanere prudenti, ma molte cose ormai abbiamo ripreso a farle ed è così che YamApp è ritornato a proporre spunti, aprire orizzonti, far conoscere persone di spessore, con la loro storia e le loro storie.

È stata l’occasione per parlare di judo e praticare judo con Giancarlo Pizzinato, grande Maestro ed Amico con una straordinaria capacità di “leggere” le situazioni, anche le più complesse ed impreviste.

Un piccolo esempio pratico lo si trova proprio qui, su alpeadriajudo, rileggendo la settima puntata della rubrica ‘Quando la tempesta sarà finita’, datata 18 aprile 2020.

Ma ritorniamo a YamApp, dove Giancarlo Pizzinato ha parlato di ritmo dell’esecuzione, un dettaglio che ha acceso la luce su altri dettagli, concatenandoli e realizzando una collana di perle preziose nella loro semplicità.

E già, perché l’efficacia del judo di Giancarlo Pizzinato risiede nella geniale semplicità con la quale lui affronta e risolve i problemi, piccoli o grandi che siano, su un tatami o fuori dal tatami.

Giancarlo sa cogliere il dettaglio che sfugge ai più, lo sa sviluppare ed adattare alla situazione, rendendolo funzionale alla sua esigenza. Un dogma di Marino Marcolina, che di Giancarlo è stato il Maestro ispiratore, è “Le cose complicate non funzionano”.

Al termine di YamApp di venerdì 24 settembre 2021, che per l’occasione è stato frazionato in due sessioni di capienza massima 30 persone per sessione, per i più giovani (18.00-19.00) e per insegnanti e adulti (19.00-20.30), Giancarlo Pizzinato ha semplificato le cose complicate ed alla fine le ha fatte funzionare tutte. Giusto in tempo, prima di ripartire per il Messico, dove vive ormai da qualche anno.

Grazie Giancarlo Pizzinato! Bentornato YamApp!

Quì la FOTOGALLERY di Erika Zucchiatti

I commenti sono chiusi