Kamano e Stacco sul podio al Grand Prix di Torino!

Un argento, un bronzo, due quinti ed un settimo posto: è questo il risultato raccolto dalla truppa di 10 atleti Yama Arashi che domenica, accompagnati da Claudio Gambini e Matteo Formiconi, ha preso parte al Grand Prix di Torino, valido come terza prova del circuito Junior/Senior.


Il miglior piazzamento è stato quello raccolto da Michelle Kamano che per l'occasione ha gareggiato nei 70kg: sono state tre le vittorie che le hanno concesso di agguantare la finale, è mancata la ciliegina sulla torta dell'oro ma la sua resta comunque una prova davvero positiva che conferma quanto di buono visto ai Campionati Italiani a squadre. Nella stessa categoria è arrivato anche il 5° posto di Agnese Piccoli, risultato che lascia l'amaro in bocca non per il risultato di per se quanto per il grave infortunio occorsole durante il golden score della combattutissima semifinale, infortunio che la lascerà lontana dal tatami per diverso tempo.


L'altra medaglia conquistata, quella di bronzo, è andata al collo di Arianna Stacco nei 78kg, che dopo lo stop iniziale ha vinto i successivi due incontri meritando per la seconda volta consecutiva il podio in una prova di grand prix. Podio che è sfuggito per un soffio ad Elisa Cittaro, che nei 57kg si è riscattata della sconfitta subita al primo turno inanellando tre vittorie ed approdando nella finalità per il 3-5° posto, dov'è incappata nuovamente in uno stop contro la laziale Ripandelli. 


Sono state due le vittorie raccolte da Laura Scano (7a nei 63kg) e Lorenzo Coceancigh nei 73kg, una a testa per Francesco Cargnelutti nei 66kg e Sofia Cittaro nei 52kg, mentre Matteo Pribaz (Team Judo Trieste) non è riuscito a superare il primo turno nonostante un ottimo incontro terminato con una sconfitta dopo 3 minuti di golden score. 


Nel complesso resta sicuramente positiva la trasferta in terra torinese per tutto il gruppo, che al di là delle medaglie raccolte e di quelle sfuggite ha offerto una bella prova di maturità, affrontando con lo spirito giusto ogni incontro e combattendo al massimo delle proprie possibilità. 

I commenti sono chiusi