400 atleti di 10 nazioni sabato e domenica per il 37° Città di Tolmezzo

Ben quattrocento atleti provenienti da dieci nazioni sono pronti a battersi sui tatami allestiti dal Judo Club Tolmezzo nel Palazzetto dello Sport a Villa Santina per la trentasettesima edizione del Trofeo “Città di Tolmezzo”. Nomi, numeri, dati e curiosità sono stati annunciati nell’ambito della presentazione ospitata nella sala consiliare del Comune di Tolmezzo alla presenza del Sindaco della città, Francesco Brollo, dei rappresentanti regionali di Coni, Fijlkam, dell’EPS Libertas e, soprattutto, del Judo Club Tolmezzo che ha colorato la sala di giallo, il giallo delle magliette con il quale il club ha vestito la sua grande ed entusiasta ‘forza lavoro’. “Nel vedere tutto questo giallo – ha detto il sindaco Brollo nel suo intervento - non posso non pensare al giallo dei gilet che altrove stanno distruggendo, ed a Tolmezzo invece lo stesso giallo costruisce”. Per Anna Miniggio, presidente del club tolmezzino, che fra storie ed aneddoti ha presentato il programma della manifestazione che si svolgerà sabato e domenica, è stata l’occasione per dedicare un commosso pensiero a Luigi dalla Marta, storico presidente del club che, soltanto qualche mese fa, si è ammalato ed è repentinamente scomparso. “È la prima volta che il trofeo viene organizzato senza Luigi – ha detto Anna Miniggio – e desideriamo ricordarlo mettendo lo stesso impegno e la passione che lui ha sempre dedicato al club”. Due i testimonial che sono stati presentati, il campione di deltaplano Suan Selenati e la diciottenne campionessa del Judo Club Tolmezzo Betty Vuk, che sarà fra le protagoniste più attese anche nel 37esimo Trofeo Città di Tolmezzo. Sempre molto sentita la partecipazione delle società regionali e di quelle friulane in particolare, anche se la concomitanza con i sempre più numerosi appuntamenti internazionali che, in questo caso sono il Grand Prix a Tbilisi dove gareggia l’udinese Matteo Medves e l’European Cadet Cup a Tula dove gareggia la triestina Veronica Toniolo, rendono complicata la sopravvivenza anche di manifestazioni che hanno scritto la storia sportiva regionale. “È un elogio quello che rivolgo al Judo Club Tolmezzo – ha detto Sandro Scano, responsabile regionale judo – per aver saputo mantenere, negli oltre quarant’anni della sua storia, viva una manifestazione sportiva sempre interessante ed accogliente”. E domenica, nell’ambito del 37° Città di Tolmezzo, si disputeranno anche le qualificazioni per il campionato italiano Assoluto.

I commenti sono chiusi