Oltre 300 in piazza Matteotti per ‘giocare’ con il Judo

Udine, 28 maggio 2017. Sono stati oltre 300 i giovani e giovanissimi che hanno giocato nell’assolato pomeriggio di sabato (27 maggio) con il Judo proposto e promosso per la FIJLKAM dal Dlf Judo Yama Arashi in piazza Matteotti a Udine. È stata davvero bella ed intensa la Giornata Mondiale del Gioco che ha affollato il centro storico con attività e dimostrazioni organizzate dal Comune di Udine e da quaranta associazioni sportive. E fra queste il Dlf Judo Yama Arashi ha promosso il tema “La Forza delle Donne”, così come ha avuto occasione di presentare nella conferenza stampa che si è tenuta lunedì scorso nell'edificio 13 dell'ex Macello (Museo Friulano di Storia Naturale). E la forza delle donne si è manifestata ancora una volta, con il lavoro, la passione, l’attenzione, la dedizione che è stata prestata a tutti quelli, più o meno piccoli, che sono saliti sul tatami a giocare. Chi dall’allestimento, e fino a sera, chi soltanto per un’ora o due, ma la Squadra che ha lavorato affinchè tutto andasse per il meglio è stata ampia, straordinaria, premurosa ed entusiasta. Un’area, sempre affollatissima, è stata dedicata alla giocomotricità, ed erano passate da un pezzo le 20 quando l’ultimo gruppetto di bimbi ha accettato di liberare gli ultimi tatami che mancavano da caricare sul furgone. Sempre affollata è stata anche l’area riservata al Judo, con i suoi animatori attenti ed instancabili nel proporre, suggerire, correggere e, ad intervalli regolari, richiamare tutti, grandi e piccini, per le foto di gruppo che hanno scandito gioiosamente la giornata mondiale del gioco. E se “La Forza delle Donne” è stata la grande protagonista sui tatami in piazza Matteotti, l’applauso più grande è per il talento di Erika Zucchiatti, che la Commissione pari opportunità di Udine ha sposato fin dalla prima ora. Ed infatti, sabato è arrivato il momento che Sara Rosso, presidente della Commissione, è salita sul tatami in piazza Matteotti per dimostrare a sua volta, quale e quanta sia la forza di tutte le Donne.

I commenti sono chiusi