Mondiali Astana, doppietta a squadre del Giappone

Astana, 30 agosto 2015. Il doppio successo del Giappone nel torneo a squadre ha completato il campionato del mondo ad Astana. Il Giappone dunque, non ha perso tempo e la risposta a Teddy Riner, che ieri sul podio ha alzato otto dita, è stata immediata ma senza enfasi. Sei titoli iridati individuali e due a squadre (fra l’altro i primi a vincerli entrambi nello stesso campionato) fanno otto in una volta sola. Travolgenti le donne che hanno realizzato uno score da record: 5-0 a Brasile, Cina, Mongolia e Polonia. Neanche un incontro perso su venti disputati. La Polonia è stata la sorpresa, arrivata in finale a spese di Algeria (5-0), Germania (3-2) e Russia (5-0) che, a sua volta ha eliminato la Francia (3-2), ha dimostrato un valore collettivo maggiore della somma (semmai la si possa fare) delle singole individualità. Germania e Russia, entrambe sconfitte dalla Polonia, si sono poi classificate al terzo posto superando rispettivamente Mongolia (3-2) e Sud Corea (3-2). Un grande equilibrio invece ha caratterizzato il torneo maschile, ed in particolare nella finale fra Giappone e Corea del Sud, fissata sul 3-2 dal quinto match fra Ojitani e Kim (+90) e vinto dal primo per due sanzioni ad una. Ma hanno vinto per differenza sanzioni anche Ebinuma su An (66) e Nagase su Lee (81), incontri da mandare a memoria per chi si è già affrettato a dire che è stato il campionato delle sanzioni, per quanto sono stati avvincenti ed affascinanti queste sfide in cui ciascuno ha cercato costantemente, senza tregua la soluzione tecnica. Tutt’altra musica da quelli che considerano lo stesso shido una tecnica. La Georgia, sconfitta dalla Mongolia (2-3), è poi salita con la stessa Mongolia sul terzo gradino del podio. Donne: 1. JAPAN JPN; 2. POLAND POL; 3. GERMANY GER; 3. RUSSIA RUS; 5. MONGOLIA MGL; 5. SOUTH KOREA KOR; 7. CHINA CHN; 7. FRANCE FRA; Uomini: 1. JAPAN JPN; 2. SOUTH KOREA KOR; 3. GEORGIA GEO; 3. MONGOLIA MGL; 5. GERMANY GER; 5. KAZAKHSTAN KAZ; 7. BRAZIL BRA; 7. RUSSIA RUS.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

E' necessario essere Accesso effettuato per pubblicare un commento