Ad Astana la prima giornata è senza medaglie per l’Europa

Astana, 24 agosto 2015. È iniziato con una vittoria il mondiale degli azzurri. Valentina Moscatt infatti, ha lottato molto bene con la portoghese Leandra Freitas, portando a casa un bel punto. Una zampata (de ashi barai) per il vantaggio (yuko), le reazione rabbiosa di Freitas con un seoi nage (yuko) e quindi il guizzo di Valentina, un seoi nage a sinistra che ha chiuso la partita. La corsa dell’azzurra però, si è interrotta subito dopo con Monica Ungureanu, romena lunga e scomoda. “La romena è molto ostica e fastidiosa – ha detto Valentina Moscatt – avevo iniziato bene, ma dopo averla fatta sanzionare due volte ho commesso un errore che lei ha colto al volo. Mi spiace davvero un sacco”. La categoria è stata vinta dall’argentina Paula Pareto, seconda l’anno scorso a Chelyabinsk. “Sono successe cose imprevedibili... – ha detto ancora Moscatt - ma questo è il judo! Pareto non mi ha sorpreso... Sono due anni che alle gare importanti non sbaglia... Due finali al mondiale... non è da tutti!”. La delegazione azzurra ha ricevuto la visita dell’Ambasciatore italiano in Kazakistan, Stefano Ravagnan, che nel salutare la squadra ha fatto una promessa: “Torno certamente a trovarvi nel caso prendiate una medaglia”. Per il momento, delle otto medaglie assegnate nella prima giornata nessuna è andata al collo di atleti europei e solo quattro le nazioni ad aver aperto il medagliere, il Kazakistan con oro e argento dei 60 kg, Argentina con l’oro dei 48 kg, quindi Giappone con un argento e due bronzi e la Corea del Sud, due bronzi. Domani è il turno dei 52 e 66 kg, ed il piacere di rivedere subito l’ambasciatore è affidata a Odette Giuffrida ed Elio Verde.
-48 kg

  1. PARETO, Paula ARG
  2. ASAMI, Haruna JPN
  3. JEONG, Bo Kyeong KOR e KONDO, Ami JPN

-60 kg

  1. SMETOV, Yeldos KAZ
  2. IBRAYEV, Rustam KAZ
  3. KIM, Won Jin KOR e SHISHIME, Toru JPN

er_img_0876

Nessun commento ancora

Lascia un commento

E' necessario essere Accesso effettuato per pubblicare un commento