European Cup Junior a Lignano, brilla il Trofeo Tarcento, meno i friulani

Lignano, 29 marzo 2015. “Un settimo posto che, tutto sommato, mi lascia comunque contenta, perché ho disputato dei buoni incontri e se non avessi commesso alcuni errori tattici, in particolare nell’ultimo incontro, mi sarei potuta giocare la medaglia di bronzo”. È questo il commento di Soraya Luri Meret, portacolori del Kuroki Tarcento in conclusione all’European Cup Junior a Lignano Sabbiadoro, manifestazione organizzata proprio dal team friulano e che ha registrato una partecipazione di 416 atleti da 25 nazioni. Il primo posto del medagliere è stato conquistato dall’Azerbaijan che ha preceduto l’Italia, otto medaglie per entrambi, ma con gli azeri a quota quattro primi posti e la metà per gli azzurri, mentre il Trofeo Tarcento, che ha soffiato sulla trentatreesima candelina, è stato vinto dalla nazionale azera (classifica maschile), dalla Slovenia (classifica femminile), dallo Skorpion Pordenone (miglior team FVG) e dall’Argentina (Coppa Amicizia). “Il livello della gara è stato molto interessante – ha detto il coach azzurro Luigi Guido - con squadre come Gran Bretagna e Azerbaijan presenti con fior di campioni. Qualche categoria in particolare poi, mi è piaciuta molto e fra i nostri ho visto diversi ragazzi che sono già altezza della situazione e hanno ancora due-tre anni da junior. Gli atleti italiani hanno dimostrato di essere pronti per l’esperienza a livello internazionale”. E fra questi, oltre al napoletano 17enne Giovanni Esposito, primo nei 66 kg e la fiorentina 18enne Eleonora Geri, prima nei +78 kg, ci sono stati anche gli atleti friulani, che si sono dimostrati pronti pur senza andare oltre a due settimi posti, migliori risultati per il Friuli Venezia Giulia, con Soraya Luri Meret (Kuroki Tarcento) nei 70 kg e Francesca Roitero (Skorpion Pordenone) nei +78 kg. Hanno superato il primo turno anche Leonardo Puppini e Marco Vendramini nei 66 kg, entrambi dello Skorpion, contribuendo al premio per il miglior team FVG, ma le medaglie in quest’occasione purtroppo sono rimaste lontane. Non ce l’ha fatta nemmeno Laura Scano (Dlf Yama Arashi Udine) nonostante la spinta emotiva della convocazione in azzurro per lo stage che inizia lunedì a Lignano. “Sono delusa perché non sono riuscita ad esprimere il meglio nonostante mi sentissi molto bene - ha detto la Scano - anzi ho sprecato un’ottima occasione per andare a prendermi una medaglia importante come questa a Lignano. Già domani, nello stage voglio confrontarmi con tutte le migliori e capire cos’è che non è andato per il verso giusto”. In questo Trofeo Tarcento il podio è rimasto irraggiungibile anche per Giada Medves (Dlf Yama Arashi) nei 57 kg, Mattia Monsutti nei 73 kg, Marta Palombini (Muggesana) nei 63 kg e Matteo Giormani (Sgt) nei 60 kg.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

E' necessario essere Accesso effettuato per pubblicare un commento