A Ciconicco per il 10° Trofeo Shimai e qualificazione Assoluti

Udine, 12 gennaio 2018. Il torneo friulano dedicato ai giovani si è fatto grande. Domenica infatti, taglierà il traguardo della decima edizione il Trofeo Shimai, manifestazione giovanile organizzata dallo Shimai Dojo Fagagna, il club guidato da Nicola Di Fant. Sono trecento gli atleti che si confronteranno sui tatami allestiti nel Palazzetto delle Scuole Elementari di Ciconicco di Fagagna ed arriveranno da tutta la regione, dal Veneto, ma anche da Slovenia e Croazia, per un confronto nelle classi Under 15, Under 13 e, dalla scorsa edizione, anche nell’Under 12. “L’obiettivo della gara – ha detto Di Fant - è offrire ai ragazzi che si affacciano all’attività agonistica ed agli Under 15 un confronto importante e, nello stesso tempo, adatto anche per tutti i “principianti” che si sentono attratti dalle competizioni. Limitare le classi d’età è quindi una scelta precisa, utile ad offrire una dimensione di gara coerente con gli obiettivi, anche in termini di numeri e tempi d’attesa”. Una gara, quella dello Shimai Dojo, su misura per i giovani, ma che rappresenta anche un momento di confronto tecnico interessante, stimolato anche dal ‘premio’ messo in palio da uno sponsor, un judogi per i migliori atleti sia maschi che femmine delle categorie Under 15 e Under 13. I combattimenti del 10° Trofeo Shimai (inizio alle 11.30) saranno preceduti dalla qualificazione regionale per il Campionato Italiano Assoluto in programma a Ostia il 27-28 gennaio prossimi. Il Dlf Yama Arashi Udine partecipa con gli Esordienti B: Lisa Ciroi, Eva Castellani, Giovanni Gabriel Rodaro, Lorenzo Roncastri; Esordienti A: Alessandro Zatti, Emiliano Tomasin, Enrico Domancic, Jacopo Zuliani, Simone Vidotti (TROFEO SHIMAI) e con 60, Eugenio Tassotto (Dojo Udine); 66, Giacomo Cugini; 81, Francesco Contessi; già qualificati: Nicola Mortal, Jessica Tosoratti, Elisa Cittaro, Giada Medves, Laura Scano, Agnese Piccoli (QUALIFICAZIONE ASSOLUTI), rinunciano causa infortunio Lorenzo Coceancigh, Serena Callegari.

I commenti sono chiusi